DAY 0 – Incontri Nella Notte

Posted: 13 May 2013 in Albert e Rudolf, All Thing Zombie, Batrep, Campagne di gioco, Italiano
Tags: , , , , ,
Estratto dal diario di Albert Markowski            

Read in English / Leggi in Inglese

“L’anno non poteva cominciare in modo peggiore. Dico sul serio.

Tanto per cambiare anche questa volta era toccata a me la diretta di Capodanno. Credo sia il terzo anno di fila che sono costretto a passare la serata guidando fino ad Ennis per trasmettere alla radio una festa noiosa in cui suonano musica davvero di merda. In queste occasioni credo di odiare un poco il mio lavoro. Per fortuna Linda aveva il turno di notte alla clinica e, almeno,  mi sono risparmiato le lamentele sulle  cene che vanno a monte per colpa di “quella stupida radio”.

E’ stato tornando da Ennis che è finito il mondo, o meglio, è stato allora che mi sono accorto che le cose stavano cominciando ad andare a rotoli. Lungo la strada i fari illuminarono la scena di un incidente stradale. Due auto bloccavano la strada, rovesciate e fumanti. Una terza auto era ferma a pochi metri di distanza con un uomo appoggiato alla portella aperta. Mi sono fermato, non c’erano mezzi di soccorso e ho chiesto all’uomo se aveva già chiamato la polizia. <No> mi ha risposto chiudendo la portiera dell’auto <non si riesce ad avere la linea con il cellulare. Prendi il crick anche tu, proviamo a spostare una di queste due carcasse!>.”

Albert e Rudolf si avvicinano al SUV rovesciato, con l’intenzione di riuscire a spostarlo per liberare la strada. Appena superano il veicolo i due notano qualcuno muoversi nella notte poco oltre.

<Abbiamo trovato i due fessi che hanno combinato questo casino!> esclama Albert sarcastico.

<Sembra di sì, ma c’è qualcosa di strano…> risponde Rudolf mentre i due feriti si avvicinano con una strana, rapida, lentezza.

Zed or not zed

Arrivati a pochi metri di distanza Albert e Rudolf  riescono a vedere le gravi ferite che coprono i corpi dei due sconosciuti. Nessuno potrebbe muoversi dopo aver perso tutto il sangue che ricopre i vestiti dei due. Improvvisamente i feriti si lanciano all’assalto, tra gemiti disarticolati e schiocchi di denti che mordo l’aria con violenza. Albert e Rudolf si preparano a contrastare l’attacco, i crick saldamente impugnati come mazze.

<Sembrano degli Zombie!> grida Albert preso dal panico <Questi due sono morti viventi!> La voce esce stridula dalla sua bocca mentre si libera dalla presa del primo dei due assalitori e si allontana correndo verso la campagna.

Rudolf riesce a mantenere il sangue freddo e sferra un forte colpo sulla testa del suo aggressore. Il metallo del crick apre un grosso foro nella fronte dell’uomo che cade a terra definitivamente abbattuto.

Zombie killer!

Rudolf, passata la scarica di adrenalina, si ritrova a fronteggiare l’assalitore rimasto. Questa volta, però, la paura ha il sopravvento e dopo una breve scontro si allontana correndo seguito da Albert.

<Continua a seguirci!> sbotta Albert <E laggiù mi sembra di sentirne un’altro avvicinarsi>

<E’ abbastanza lento da riuscire a sfuggirgli> risponde Rudolf concitato <Andiamo verso quella macchia di alberi, cerchiamo di seminarlo!>

Img_5

Albert e Rudolf riescono a trovare riparo tra gli alberi ed i cespugli più fitti.

<Sembra uno di quei film da incubo che passano alla TV via cavo!> sussurra Albert <Guarda! continuano a muoversi verso di noi… è come se riuscissero a vederci anche in questa oscurità>

<Credo che ci sentano, oppure ci fiutano… Non lo so cazzo! Anzi, proprio non so che diavolo siano quei cosi> Rudolf tace per alcuni istanti mentre cerca di calmarsi <Laggiù c’è un ristorante, se riusciamo ad entrare possiamo telefonare alla polizia!>

Img_6

Albert e Rudolf si muovono verso il ristorante, debolmente illuminato nella notte altrimenti nera come il carbone. Alle loro spalle i due Zombie continuano l’inseguimento, guidati dalla fame di carne umana…

Img_7

Arrivati davanti all’edificio Albert e Rudolf trovano la porta d’ingresso sprangata dall’interno.

<Questi sono andati in vacanza e hanno sigillato per bene il negozio!> Grida Rudolf.

<Cerchiamo di aprirla usando questi crick! Svelto!> Le parole di Albert tremano per la tensione mentre armeggia con la porta chiusa. I due provano diverse volte a forzare l’apertura, ma i battenti restano saldamente bloccati al loro posto. Intanto dall’oscurità alle loro spalle il suono dei lamenti e dei passi orribilmente strisciati sull’asfalto si fa sempre più vicino.

<Questa porta è dannatamente resistente> si arrende Rudolf.

<Proviamo a passare dal retro prima che ci siano addosso!>  risolve Albert mentre si dirige verso l’angolo dell’edificio.

Img_8

Sul retro i due trovano un’altro ingresso e questa volta la porta cede sotto i colpi, Albert e Rudolf entrano nella cucina del ristorante e mentre Rudolf blocca l’ingresso alle loro spalle Albert fruga tra i tavoli di lavoro e trova una pesante mannaia. <Questa può tornare utile> esulta Albert proprio quando i due Zombie cominciano a battere i pugni contro la porta barricata.

Albert e Rudolf decidono di salire al piano superiore, quando vedono altre  creature avvicinarsi alle vetrine del ristorante.

<Ce ne sono altri!> esclama Rudolf <di male in peggio!>

I due salgono le scale mentre la porta posteriore cede e le vetrine si frantumano sotto i colpi feroci dei nuovi arrivati. L’interno del ristorante sta per essere invaso.

Img_9

Facendosi strada tra le stanze buie Albert e Rudolf trovano una seconda uscita che scende dal primo piano direttamente sul lato dell’edificio.

<Scendiamo alla svelta> suggerisce Rudolf <dobbiamo uscire di qua o faremo la fine del topo! Quei mostri sono sempre di più, e sono troppo vicini per i miei gusti>

Img_10

Arrivati ai piedi della scala Albert e Rudolf sentono i loro inseguitori scendere gli scalini alle loro spalle, a pochi passi di distanza.

<Dobbiamo cercare di fermarli> le parole di Albert sono a metà tra una domanda e una rassegnata constatazione.

<Da questa porta non possono uscire tutti insieme> risponde Rudolf <proviamo a tenerli dentro affrontandoli pochi alla volta… come alle Termopili!>

<Sì, giusto> conviene Albert <ma quelli alle Termopili hanno fatto un brutta fine>

<Allora noi dovremo fare meglio> taglia corto Rudolf alzando il crick, pronto a colpire.

I primi due Zombie emergono dalla porta goffamente, spintonandosi l’uno con l’altro per infilarsi nel pertugio lasciato aperto da Albert e Rudolf. I due riescono a tenere i nervi saldi e calano le armi sugli assalitori, abbattendoli entrambi.

Img_11

Mentre Albert e Rudolf stanno liberando le armi dai corpi dei morti, altri due Zombie si riversano fuori dalla porta, le mani che artigliano l’aria ed i denti che schioccano ad ogni morso dato a vuoto.

<Cazzo! Questo è davvero troppo> urla Rudolf quando il cadavere della cheerleader che gli sta di fronte gli afferra un braccio. Il panico ha la meglio, Rudolf si divincola e si allontana dall’orrido spettacolo della gola squarciata della ragazza da cui gorgogliano vagiti minacciosi.

Albert trova invece la forza di affrontante il suo assalitore, un giovane studente con un vistoso buco nel ventre, e con la mannaia che stringe nella mano destra spicca di netto la testa del ragazzo che cade a terra inerme.

Img_12

All’improvviso una deflagrazione scuote l’edificio ed illumina la notte circostante. Una bombola di gas, forse colpita del movimento scoordinato degli Zombie, esplode ed incendia l’edificio del ristorante, abbattendo gli Zombie rimasti all’interno, ma richiamandone molti altri attirati dal forte rumore.

<Forza!> urla Albert mentre si allontana di corsa dall’edificio in fiamme <corriamo verso al citta!>

<Non me lo faccio ripetere due volte> gli risponde Rudolf prima di lanciarsi a sua volta in una folle corsa.

Img_13

Approfittando dell’oscurità i due riescono ad allontanarsi lasciandosi alle spalle i mostruosi inseguitori. Dopo un miglio di corsa a perdifiato si fermando ansanti.

<Sai una cosa?> chiede Rudolf mentre tira finalmente fiato.

<Cosa?> gli risponde Albert ansimando.

<Non mi sono presentato> dice Rudolf porgendo la mano <mi chiamo Rudolf Rude, sono un agente di recupero crediti>

<Vorrei dire che è stato un piacere conoscerti> ribatte Albert <ma in fondo se questa è una serata di merda non credo sia colpa tua> con un sorriso tirato Albert stringe la mano di Rudolf <Comunque mi chiamo Albert e tutto sommato sono contento di averti incontrato>

Vai all’incontro successivo – Day 1.1

Advertisements
Comments
  1. Faro says:

    ottimo ragazzi ! al primo VWOOSH! sono esploso a ridere…
    vogliamo una carneficina !

  2. bellissimo, non aggiungo altro. 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s